cosa vedere a macerata in un giorno

Cosa vedere a Macerata in un giorno

A Macerata ci sono arrivata un pò per caso. Non che non l’avessi mai sentita nominare ma piuttosto, un pò come le Marche in generale, non avevo la più pallida idea di cosa visitare dato che per me, le Marche sono sempre state una regione un pò vaga: esiste ma esattamente cosa c’è da vedere (a parte Recanati e il Parco del Conero, luoghi dove ero stata in gita scolastica secoli fa)??. E quindi quando ho chiesto in giro “Ma cosa mi consigli di andare a vedere?”, moltissime persone amanti di questa zona, mi hanno risposto “Ma Macerata, ovvio!”. E così è stato, in un giorno infrasettimanale, incerto – meterologicamente parlando – e fuori stagione. Vi porto con me e vi racconto cosa vedere a Macerata in un giorno. Premetto che le chiese e la Torre dell’Orologio non ho potuto visitarle: causa del terremoto dello scorso anno e delle recenti scosse avvenute tra agosto e settembre, molti edifici li hanno chiusi al pubblico per motivi di sicurezza.

Macerata, un pò come tutti i borghi delle Marche, è situata sul cocuzzolo di una collina (si si, per una che viene dalla montagna, per me è una collina!! 😉 ), quindi segue il corso del “dorso” di questa – spesso le città hanno una forma un pò ovale o a “serpentello” proprio per questo ed è caratterizzata da diverse stradine che salgono e scendono, un sacco di scale ma anche scorci panoramici che non ho potuto ammirare al 100% per via del tempo.

 

Vicoli di Macerata
Vicoli di Macerata

COSA VEDERE A MACERATA IN UN GIORNO

Il mio viaggio alla sua scoperta è iniziato allo SFERISTERIO: venendo dalla stazione dei treni, è la prima cosa che s’incontra, insieme alla Porta Mercato. Lo Sferisterio e’ il simbolo della città e fu costruito nel 1823 da Ireneo Aleandri, voluto dai nobili dell’epoca per  poter giocare a pallone col bracciale – un antico gioco diffuso fino agli anni Venti del Novecento, una via di mezzo tra il tennis, il tamburello e la pelota spagnola. Ma lo sapevate che i giocatori del pallone col bracciale erano le persone più pagate durante l’Ottocento? Oggi, invece, è utilizzato come teatro d’opera a cielo aperto, grazie ad un’idea del conte Pieralerto Conti che organizzò nel 1921 la messa in scena dell’Aida di Verdi. Grazie al successo di quella serata (17 repliche e 70.000 biglietti staccati), lo Sferisterio si convertì in un luogo per poter apprezzare l’opera lirica, ancora oggi molto di moda in estate! Ma non è solo un luogo per poter ascoltare musica lirica: proprio qua a giugno viene svolto Musicultura, un festival nato nel 1990 e che nel corso degli anni ha fatto scoprire cantanti come Simone Cristicchi, Povia, Gianmaria Testa e tanti altri. Il suo obiettivo è sempre stato quello di scoprire nuovi talenti musicali.

 

Interno dello Sferisterio
Interno dello Sferisterio

 

A questo punto non ho attraversato Porta Mercato per entrare in Piazza Mazzini ma piuttosto ho proseguito per via Diomede Pantaleoni, una via a ridosso dell’antiche mura di Macerata, per poter raggiungere LA TELA – IL MUSEO DELLA TESSITURA, a pochi metri più in su ed esattamente di fronte a Porta S. Giuliano. E’ un laboratorio nato nel 1986, grazie al quale si vuole tramandare la tipica tradizione tessile dell’entroterra marchigiano. Il progetto vuole dare la possibilità di conoscere le tecniche di tessitura attraverso corsi (liberi a tutti) e attività didattiche. Al suo interno troverete degli antichi telai che utilizzano ancora oggi e delle persone che vi porteranno alla scoperta di un mondo quasi dimenticato!

 

Museo della Tessitura
Museo della Tessitura

 

Finita la mia visita, sono entrata nella città attraversando Porta S. Giuliano che mi ha guidato verso piazza Strambi dove c’è il Duomo e la chiesa della Misericordia, entrambi gli edifici chiusi per motivi di sicurezza per via delle continue scosse di terremoto. Allora ho proseguito per via Don Minzoni, fermandomi al Palazzo Buonaccorsi. Al suo interno ci sono i MUSEI CIVICI (arte antica e moderna) e il MUSEO DELLA CARROZZA fondato negli anni Sessanta grazie ai lasciti del conte Pieralberto Conti. Una visita qua è da fare: è un modo per entrare dentro ad un antico edificio, conoscere la storia della città attraverso le opere e fare un salto nel passato con un viaggio virtuale in carrozza. E’ un museo organizzato davvero bene: molto interattivo, a volte non sapevo se guardare le opere o l’edificio stesso, non parliamo poi una volta arrivata alla Galleria dell’Eneide ed infine ammirare l’evoluzione delle carrozze, con la possibilità poi di scegliere la destinazione e far un viaggio virtuale con una carrozza, con cartolina ricordo inclusa! Si perché al termine della visita del Museo della Carozza c’è la possibilità di scegliere una cartolina che rappresenta una località di Macerata o dei dintorni, salire nella carrozza apposita, inserire nell’apposita buca la cartolina, sedersi e il viaggio inizia. Fuori dai finestrini vedrete il paesaggio cambiare in base alla destinazione scelta, un cocchiere racconta  un pò di storia e la carrozza si muove … non sapete che fastidioso viaggiare in carrozza senza ammortizzatori!

 

Interno del Palazzo Buonaccorsi
Interno del Palazzo Buonaccorsi

 

Proseguendo per via Don Minonzi, sono arrivata in Piazza della Libertà: la Torre dell’Orologio Astronomico, il Teatro Rossi e la Loggia dei Mercanti si trovano proprio qua. Mi è dispiaciuto molto non poter salire sulla Torre dell’Orologio: ma vi immaginate poter ammirare il panorama da qua? Ma la sua facciata comunque non è niente male, un orologio è per guardare che ore sono (ma non è quello originale: inizialmente ce n’era uno ad automi con una statua fissa al centro che rappresentava la Madonna e due nicche dalle quali usciva l’angelo musicante e i Re Magi ad ogni battere delle ore), mentre l’altro rappresenta la terra al centro e tutte le stelle, i pianeti e i segni zodiacali che ruotano attorno. Si, avete capito bene: è la terra essere al centro di tutto. Semplicemente perché quando è stato costruito nel 1571 dai fratelli Ranieri di Reggio Emilia, si finiva al rogo se si diceva l’incontrario (ricordate cosa è successo a Leonardo Da Vinci?). Una volta ammirata la piazza, scegliete corso della Repubblica e vi ritrovate direttamente in piazza Vittorio Veneto.

Piazza della Libertà
Piazza della Libertà

 

In piazza Vittorio Veneto ci sono due cose da fare assolutamente (purtroppo la terza non l’ho potuta fare: visitare la chiesa di S. Giovanni, chiusa al pubblico causa del terremoto). La prima, intrufolatevi nella Biblioteca Comunale “Mozzi Borgetti” e domandate di poter salire ai piani superiori. Rimarrete di sicuro a bocca aperta per tanta bellezza. Vi ritroverete a visitare cinque sale dove sono conservate diversi volumi, incubaboli e cinquecentine: ci sono giusto 400.000 volume, di cui 10.000 manoscritti e circa 300 esemplari di incunamboli. Ma alzate anche la testa per ammirare i meravigliosi fregi, stucchi e affreschi!

 

Interno della biblioteca
Interno della biblioteca

 

Seconda tappa in piazza Vittorio Veneto è sicuramente il Palazzo Ricci Petrocchini: è sede della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Macerata ed è possibile visitarlo a degli orari stabiliti con una guida. Anche questo è un modo per poter conoscere l’interno degli edifici antichi, spesso adibiti a museo ed è l’ideale per chi ama l’arte contemporanea del Novecento: vi porta alla scoperta dell’arte maceratese e marchigiana che ha caratterizzato lo scorso secolo! Edificio riaperto la scorsa primavera dopo i lavori di ristrutturazione dai danni causati dal terremoto.

 

Piazza Mazzini
Piazza Mazzini

 

Ora che avete visitato gli interni degli edifici, godetevi la città al suo esterno: strade, vicoli, scalinate e punti panoramici. C’è veramente di tutto! Inoltre questa parte della città è chiusa al traffico (se non per i residenti o scarico/carico merci) e quindi vi sembrerà di essere in un altro mondo, come è successo con me.

Vi ho dato dei consigli su cosa vedere a Macerata in un giorno: se vi organizzate bene, avrete tutto il tempo necessario per ammirarla ed apprezzarla appieno! 🙂 Ma soprattutto non vi ho detto la cosa più importante: Macerata sarà la Capitale della Cultura nel 2020 … un motivo in più per visitarla!

 

Scorci di Macerata
Scorci di Macerata

COSA VEDERE A MACERATA IN UN GIORNO: costi dei biglietti

Musei Civici di Macerata: chiedete di poter fare il Biglietto Unico Macerata Musei, con 7€ potete visitare lo Sferisterio, i Musei Civici di Palazzo Buonaccorsi e la Torre dell’Orologio.

Museo della Tessitura: entrata gratuita ma potete fare un’offerta libera che serve per portare avanti i loro progetti oppure acquistare uno dei loro prodotti.

Palazzo Ricci Petrocchini: costo del biglietto è di 4€. Non è possibile fare foto al suo interno per via del copyright.

 

Piazza Vittorio Veneto
Piazza Vittorio Veneto

Autore dell'articolo: Katia

Mi chiamo Katia, ho vissuto tra Italia, Germania e Irlanda. I posti che adoro di più? L'Irlanda, Venezia e tutte quelle località dove c'è il mare ... infatti, ironia della sorte, vivo in montagna! Perché scrivo? Semplicemente per ricordare tutto quello che vedo e per imparare a scrivere! :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *