neustadt dresda

Cosa vedere a Dresda – Neustadt

Qualche mese fa vi avevo raccontato già un po’ di Dresda, città nella quale ho vissuto per tre mesi nel 2006. Ad agosto, durante la mia vacanza a Berlino, ho deciso di farci un salto per visitarla nuovamente dopo 10 anni: nulla è cambiato e ho avuto la sensazione che tutto fosse rimasto immobile così come l’avevo lasciata.

Dopo avervi fatto conoscere la Dresda più famosa, quella barocca attraverso l’articolo Dresden o Dresda qual si voglia, ora vi porto a conoscere la parte”nuova” di Dresda, conosciuta meglio come la Neustadt (appunto, città nuova). E’ una zona completament differente rispetto alla Dresda barocca ed è sempre stata la parte che mi è piaciuta di più, probabilmente perchè un po’ hippy: è la Dresda degli artisti e degli studenti. Bisogna solo attraversare il fiume Elba attraverso l’Augustusbrücke e il nuovo mondo inizia. Neustadt è racchiusa tra Lousienstrasse e Alaunstrasse, è il quartiere alternativo e alla moda: è proprio qua che si trovano i locali per divertirsi la sera, i ristoranti e i negozi più particolari e stravaganti. Ma è anche la zona dove ho notato una maggiore presenza di stranieri sia nei negozi e lcoali sia come abitanti: forse è grazie a questo mix culturale che il quartier pullula di arte, cultura e non solo.

 

Piccoli scorci artistici
Piccoli scorci artistici

 

Una meta sicuramente da non perdere è il Kunsthofpassage situato nel quartiere studentesco: è un porticato formato da cinque cortili collegati tra di loro e ogni cortile è stato progettato in base a dei tempi specifici da designer, artisti e architetti, all’interno dei quali è possibile trovare boutique, librerie e caffetterie. Ha due entrate, una da Görlitzer Strasse e una da Alaun Strasse.

 

Una delle entrate del Kunsthofpassage
Una delle entrate del Kunsthofpassage

 

I cinque cortili sono così suddivisi:

il cortile della luce dove un palazzo di colore giallo riflette i raggi solari dall’esterno verso l’interno provvedendo al suo riscaldamento, grazie a delle lastre in alluminio dorate. Pensate che qua ci hanno lavorato ben tre artisti: Christoph Rossner, Andre Tempel e Annette Paul;

il cortile degli animali dove la tipica fauna della savana sono dipinti (in rilievo, quindi forse si può parlare di scultura) sulle facciate delle case (di cui una è verdissima) ed è cosi che anche a Dresda è facile imbattersi in giraffe, scimmie e bufali;

nel cortile della metamorfosi prendono forma delle vere e proprie trasformazioni grazie a dei pilastri di acciaio alti 15 metri che decorano il cortile e s’illuminano di notte. L’idea è stata dell’artista Arend Zwinker;

invece nel cortile delle creature mitiche strane figure di animali adornano le pareti delle case. Creato dall’artista Viola Schöpe, i mosaici e i graffiti la fanno da padrone.

 

Il palazzo che suona con la pioggia
Il palazzo che suona con la pioggia

 

Le creature mitiche
Le creature mitiche

 

Altra meta sicuramente imperdibile è la Pfundsmolkerei, la latteria più bella del mondo e dove potrete assaggiare formaggi e prodotti caseari provenienti dalla Sassonia: fu realizzata nel 1880 e le sue pareti sono coperte da lucide piastrelle in ceramica in puro stile neo-rinascimentale e ideate da veri e propri artisti: il locale è totalment edecorato senza lasciar spazi vuoti. Anche i soffitti e i banconi sono ornati da sfarzose decorazioni. Indovinate un pò: in passato era possibile trovare anche una fontanella dalla quale sgorgava il latte! Il suo ideatore, un certo Paul Gusta Leander Pfund, l’aprì per offrire latte fresco ai sui clienti grazie alle 6 mucche presenti in negozio e munte al momento davanti agli acquirenti.

 

L'interno della Pfundsmokerei
L’interno della Pfundsmokerei

 

Prima di ritornare nella barocca Dresda, vi consiglio di far tappa al Neustädter Markthalle, un mercato al chiuso costruito intorno al 1900 e con quest’aria un po’ Art Nouve: giochi di luce che illuminano l’interno, le sale decorate con passamano in ferro battuto dove il fascino dell’antica architetturea si mescola con moderni negozi grazie ad una ricostruzione avvenuta nel 1999. Qua è possibile acquistare fresche specialità locali come vino, frutta e verdura ma anche prodotti da forni, carne e tutti prodotti in Sassonia.

 

L'interno del Neustaedter Markt Halle
L’interno del Neustaedter Markt Halle

 

Un po’ di storia: questa parte della città nacque nel 1400 e inizialmente chiamata la Vecchia Città ma nel 1685 ci fu un enorme incendio che ne distrusse una buona parte e per questo fu deciso di riscostruire una “nuova città nei pressi di Dresda”, appunto la Neustadt. Gli edifici barocchi furono ricostruiti in Königstrasse creando degli assembramenti di strade e piazze per sfociale nella Neustädter Markthalle dove la statua a cavallo in oro di Federico Augusto I, principe elettore di Sassonia e re polacco. Da qui parte l’Hauptstrasse, strada che porta al di là del fiume Elba grazie all’Augustusbrücke.

 

Scorci a Königstrasse
Scorci a Königstrasse

 

Una curiosità: quando attraverserete l’Augustusbrücke vi troverete a fermarvi ad osservare un edificio con un’architettura che non ha niente a che fare con l’architettura del luogo. Di cosa sto parlando? Ma Moschea del Tabacco Yenizde! All’inizio del Novecento l’imprenditore ebreo Hugo Zietz costruì questa fabbrica di sigarette con un’architettura simile a quella di una moschea: la sua idea gli arrivò dal fatto che importava il tabacco dalla ottomana di Yenidze (poi nome della stessa fabbrica), oggi situata in Grecia. Per conoscere meglio la sua storia, vi rimando all’articolo Dresda, la moschea del tabacco.

 

Autore dell'articolo: Katia

Mi chiamo Katia, ho vissuto tra Italia, Germania e Irlanda. I posti che adoro di più? L’Irlanda, Venezia e tutte quelle località dove c’è il mare … infatti, ironia della sorte, vivo in montagna! Perché scrivo? Semplicemente per ricordare tutto quello che vedo e per imparare a scrivere! :)

4 thoughts on “Cosa vedere a Dresda – Neustadt

    Martina Vitali

    (dicembre 9, 2016 - 1:13 pm)

    Una città che tengo nella lista da un po’! Grazie per tutte le info!

      KatiaDivina

      (dicembre 9, 2016 - 3:01 pm)

      Appena riesci, vacci! Magari se capiti a Berlino (in una giornata riesci tranquillamente a fare un salto a Dresda) oppure abbinala a Lipsia …

    Silvia Demick

    (dicembre 3, 2016 - 4:43 pm)

    Dal mio viaggio a Berlino lo scorso mese, trovo la Germania sempre più interessante.
    Conoscevo Dresda di nome ma non sapevo nulla su questa città che mi sembra bellissima.
    Buon weekend 🙂

      KatiaDivina

      (dicembre 3, 2016 - 8:13 pm)

      Io ci ho vissuto per 3 mesi nel 2006 e quest’estate quando sono stata in vacanza a Berlino, ci sono ritornata per una giornata. Bellissima città da vedere e ha parecchi scorci fantastici: il bello è che offre parecchi spunti per tutti (a partire dalla netta differenza tra Neustadt e Altstadt).
      La Germania può offrire molto a livello turistico: io ho incominciato ad apprezzarla piano piano nel corso degli anni. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *