Monaco di Baviera: cosa fare in tre giorni

MONACO DI BAVIERA: COSA FARE IN 3 GIORNI!

Tornata da un paio di settimane dalle mie ferie, sto ancora mettendo insieme le mie impressioni su quello che ho visto. Ammetto, non è stato amore a prima vista per la capitale bavarese ma ho visto davvero tante cose che ho adorato subito. Strano, vero? Voglio iniziare a raccontarvi quello che ho fatto con un tour classico, da fare assolutamente se è la prima volta che visitate la città. Ecco perché inizio con Monaco di Baviera: cosa fare in tre giorni. I tre giorni sono molto indicativi: dipende molto da quanto ci mettete a visitare i vari siti ma credo siano l’ideale per conoscerla un pò con calma!

Kaufingerstrasse
Kaufingerstrasse

MONACO DI BAVIERA: COSA FARE IN TRE GIORNI

 

Prima tappa è il CASTELLO DI NYMPHENBURG: io l’ho visitato a marzo ma credo che il periodo migliore sia da aprile a settembre con la bella stagione. Perché? Ma per l’immenso parco che si distende dal castello per ben 200 ettari: non oso immaginare come sarà tutto fiorito. Inoltre, in estate, sono aperte anche le varie casette all’interno del parco, chiuse da ottobre a marzo. Sto parlando dell’Amalienburg, del Badenburg, del Pagodenburg e il Bötanischer Garten. La mia visita poi è continuata all’interno del castello visitando il Gartensall, la sala dei ricevimenti; il gabinetto cinese, la Schönheitengarlerie chiamata così per via dei 36 quadri che ritraggono le donne amate da Ludovico I e la Hubertussal.

Nell’ala sinistra del palazzo è stata allestito al piano terra il Museo delle Carrozze (Marstallmuseum), in passato era una stalla e al piano superiore il Museo delle Porcellane (Porzellanmanufaktur). La mia impressione della visita? Fantastica! Ammetto che il lo stile barocco e rococò possono risultare “pesanti” ma io mi sono persa attraverso tutto questo sfarzo e le carrozze non sono da meno!

Salone principale del castello di Nymphenburg
Salone principale del castello di Nymphenburg

 

Le carrozze reali
Le carrozze reali

Per gli amanti dell’arte, la visita continua all’isola dei musei, conosciuta meglio come il KUNSTREAL: c’è davvero l’imbarazzo della scelta. La visita sicuramente andrà a toccare i musei più vicini all’interesse di ognuno. Io ho colto l’occasione del biglietto cumulativo e del mio immenso amore per l’artista tedesco Albrecht Dürer (che ovviamente è scappato alla mostra a Milano, organizzata al Palazzo Reale) che ho scelto di visitare le tre pinacoteche. Alte Pinakothek, dove trovare l’arte dal Medioevo al Settecento; Pinakothek der Moderne che custodisce l’arte dell’Ottocento e la prima parte del Novecento e la Neue Pinakotheke con l’arte contemporanea.

Per tutti gli altri interessi, trovate: la Staatliche Antikensammlug, la Glyptothek, NS Dokumentationszentrum, Stadtische Galerie im Lenbachhaus, Palaontologisches Museum e Staatliche Museum Agypscher Kunst.

 

 

Neue Pinakotheke
Neue Pinakotheke

 

La mia visita è poi continuata per il centro: terza tappa è stata la RESIDENZ, altro luogo dove trionfa il barocco e il rococò! La famiglia reale Wittelsbach, a partire dal 1385 riuscì a trasformare un piccolo fortino difeso da un fossato in un complesso fantastico così come lo vediamo oggi e rimase la loro residenza ufficiale fino al 1918. Vi avviso che la visita non finisce più: oltre alle diverse stanze, c’è l’Antiquarium, la Ahnengalerie e la Reiche Zimmer, tutte sale che lasciano a bocca aperta! La Camera del Tesoro non è da meno: oggi è possibile trovare la collezione del tesoro dei Wittelsbach distribuito in 10 sale.

In opzione, avete anche la possibilità di visitare il Cuvilliés-Theater, cosa di cui mi sono pentita di non aver fatto: purtroppo mi sono ritrovata in mezzo a 4 scolaresche e in biglietteria non ho avuto molto tempo a mia disposizione per capire le varie opzioni (e il personale non aveva tanta pazienza perché esaurito dai tanti turisti!).

 

Un salone della Residenz
Un salone della Residenz

 

Cuvilliés-Theater
Cuvilliés-Theater

La visita a musei e residenze varie è terminata e inizia la visita nelle strade principali dell’Altstadt, la parte vecchia della città. Proprio a due passi dalla Residenz c’è la Feldherrnhalle (la Loggia dei Marescialli): pensate che è stata creata sul modello della Loggia della Signoria a Firenze. Quindi se avete l’impressione di averla già vista, sapete dove! Proprio accanto troverete la bellissima Theatinerkirche: una bellissima chiesa in perfetto stile rococò (ma dai? La maggior parte delle chiese di Monaco sono barocche o in perfetto stile rococò: sappiatelo!).

Scorcio su Feldhernhalle e Theatinerkirche
Scorcio su Feldhernhalle e Theatinerkirche

 

Da qui prendete Theatinerstrasse che vi porta direttamente in Marienplatz, probabilmente la piazza più conosciuta di Monaco con il suo municipio: nella stessa piazza vi troverete di fronte al Nuovo Municipio (Neues Rathaus) e il Vecchio Municipio (Altes Rathaus). Da questa piazza ci sono passata diverse volte durante il mio soggiorno ed è sempre stato piacevole fermarmi (folla di turisti a parte). Se ci passate di giorno, datevi appuntamento alle 11 o alle 12 per lo scoccare delle ore perché dopo le campane, le marionette poste sulla parte alta della torre del Neues Rathaus incominciano a girare! Mentre la sera l’ho apprezzata per il fatto che fosse un luogo più tranquillo rispetto al giorno ma anche all’aspetto notturno dell’edificio illuminato. La torre in questione è anche visitabile: da qui, si dice che la vista sulla città è bellissima, soprattutto se la giornata è limpida perché si possono ammirare le Alpi!

 

Marienplatz di notte
Marienplatz di notte

 

Da qui perdetevi a fare shopping per la strada principale dei negozi: Kaufingerstrasse e Neuhauserstrasse che termina nella Karlsplatz. In quest’ultima piazza vi trovere di fronte ad una delle tre antiche entrate di Monaco (le altre sono Sendlige Tor e Isartor). Ma tra un negozio e l’altro, fermatevi a visitare la Frauenkirche, famosa per le sue due torri a cipolla e la Michaelskirche (indovinate un pò in che stile?).

CURIOSITA’: una leggenda vuole che ci sia l’impronta del diavolo all’ingresso della Frauenkirche e più precisamente sotto il coro. Può sembrare una normalissima impronta ma se l’osservate bene, si può notare uno sperone proprio sul calcagno. Tra le tante leggende metropolitane, si dice che l’architetto Jörg von Halsbach fece una scomessa col diavolo: le finestre ci sarebbero state ma invisibili. Il diavolo entrò nella Frauenkirche non consacrata per controllare, offeso per l’ennesima chiesa costruita a Monaco. Entrando, ebbe l’impressione che effettivamente non ci fossero le finestre: tutto contento rise di sana pianta e calcò felicemente con forza il pavimento in modo tale da lasciarvi un’impronta.

 

 

Altes Rathaus
Altes Rathaus

 

Questo è il percorso che consiglio per chi ha poco tempo o per chi raggiunge  Monaco per la prima volta. Seguiranno altri percorsi: sono quelli che ho apprezzato maggiormente perché meno affollati rispetto ai luoghi che ho raccontato qui. Il giro nel centro storico continua Altstadt di Monaco tra Sendlinger Tor e Isartor!

Quindi Stay Tuned 🙂

 

INFO su MONACO DI BAVIERA: COSA VEDERE IN TRE GIORNI!

 

CASTELLO DI NYMPHENBURG

L’entrata al parco è libera e gratuita. Il costo del biglietto al castello cambia in base alla stagione. Dal 15 ottobre a fine marzo è il vigore il Winter Ticket: biglietto cumulativo di 8,50€ per il castello + Marstallmuseum (museo delle carrozze & museo delle porcellane). Da aprile a metà ottobre è in vigore il Sommer Ticket: biglietto cumulativo di 11,50€ per il castello + Marstallmuseum + Amalienburg + Badenburg + Pagodenburg + Botanischer Garten.

KUNSTREAL

Biglietto giornaliero di 12€ per Alte Pinakothek + Pinakothek der Moderne + Neue Pinakotheke

Se visitate gli altri musei, provate a vedere se ci sono altre promozioni!

RESIDENZ

Io ho fatto il Kombikarte a 11€ per visitare il Museo della Residenza + la Camera del Tesoro. Ma se a voi interessa, c’è anche la Gesamtkarte di 13€ per visitare il Museo della Residenza + la Camera del Tesoro + Cuvilliés-Theater.

CHIESE entrata gratuita

Autore dell'articolo: Katia

Mi chiamo Katia, ho vissuto tra Italia, Germania e Irlanda. I posti che adoro di più? L'Irlanda, Venezia e tutte quelle località dove c'è il mare ... infatti, ironia della sorte, vivo in montagna! Perché scrivo? Semplicemente per ricordare tutto quello che vedo e per imparare a scrivere! :)

8 thoughts on “MONACO DI BAVIERA: COSA FARE IN 3 GIORNI!

    Erica

    (aprile 17, 2018 - 11:50 am)

    Già per iniziare mi sembra uno splendido itinerario! Ho sempre pensato che avrei visitato Monaco di Baviera e proseguito per la Romantische Strasse. Questo post mi fa pensare che Monaco si è appena giudicata un weekend esclusivo!

      Katia

      (aprile 17, 2018 - 4:53 pm)

      Di Monaco ho scoperto davvero tantissime cose, soprattutto ha confermato che bisogna uscire dalle solite strade super turistiche per trovare tanto altro!

      Bella la Romantische Strasse: non l’ho mai fatta ma ne ho sentito parlare molto bene e che panorami! Lo farò anche io prima o poi 😉

    Roberta

    (aprile 5, 2018 - 10:53 pm)

    Vorremmo andare a Monaco un week end di giugno… probabilmente per il ponte del 2 giugno. Vorremmo andarci con Biagio, quindi bisogna organizzare bene dove andare e cosa visitare, comunque ho salvato il tuo post così non lo perdo strada facendo!

      Katia

      (aprile 5, 2018 - 10:59 pm)

      Già a giugno sarà una bella stagione per i parchi (ti consiglio l’Englisch Garten ma Monaco offre tantissime aree verdi, ideali sia per voi per rilassarvi che per Biagio!). Comunque i tedeschi sono più avanti di noi per quanto riguarda l’ospitalità degli animali, non dovrete aver problemi ad organizzarvi.

      Arriveranno altri post e sicuramente quello sul quartiere Schwanbing sarà l’ideale per voi per girare senza il problema del divieto di animali. Poi fatemi sapere 🙂

    Daniela

    (aprile 5, 2018 - 4:40 pm)

    Sono stata a Monaco per Pasqua ed ho visto cose un po’ diverse. Principalmente perché avendo un bambino di 3 anni le lunghe visite a castelli e residenze sono ancora un po’ difficili per noi. In compenso siamo stati al museo della scienza che è bellissimo! Il tuo itinerario lo faccio la prossima volta!

      Katia

      (aprile 5, 2018 - 6:46 pm)

      Credo che le città cambiano in base ai nostri interessi e con chi siamo! Capisco la situazione con un bimbo piccolo: di sicuro ruota tutto intorno a lui e gli interessi sono diversi. Io ho messo da parte il Museo della Scienza anche se ne avevo sentito parlare molto bene per dare precedenza ad altre tappe più vicine ai miei interessi.

      Sono curiosa di sapere il tuo tour: attendo il tuo articolo! 🙂

    Federica di ''Bellezza è Verità''

    (aprile 5, 2018 - 12:42 pm)

    Wow il Castello è stupendo! Spero un giorno di visitare Monaco!

      Katia

      (aprile 5, 2018 - 1:16 pm)

      Te lo auguro pure io! E´ una bella citta´ da vedere almeno una volta nella vita anche se molto turistica!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *