cosa vedere a crotone, antia città della magna grecia

Cosa vedere a Crotone, antica città della Magna Grecia

Crotone, antica città della Magna Grecia. E’ piccolo gioiello e testimone di un passato glorioso sulla costa ionica calabrese. Nata come colonia greca, conobbe il suo massimo splendore soprattutto in questo periodo: infatti rappresentò uno dei maggiori centri della Magna Grecia e fu seconda solo a Taranto. La leggenda vuole che Kroton, figlio di Eaco, venne ucciso per sbaglio dal suo amico Eracle. Pentito e in colpa per quello che aveva fatto, lo seppellì con una solenne cerimonia sulle sponde del fiume Esaro. Vicino alla tomba fece poi erigere la città, onorandola col nome Kroton e col progetto di un futuro glorioso e potente. I crotonai rappresentarono poi Eracle sulle monete, giusto per rafforzare questa leggenda. Ma prendetela con le pinze: altre leggende metropolitane caratterizzano la nascita di Crotone e contraddire gli antichi Dei greci non è mai vantaggioso! 🙂

Crotone è soprattutto legata alla figura di Pitagora: il filosofo greco che, scappando dalla Grecia e dalla dittatura di Plicrate, si rifugiò proprio nell’antica Kroton. Nel 530 a.C., fondò la Scuola Pitagorica, un’associazione etico-religiosa. L’organizzazione della scuola riprendeva quella delle comunità orfiche e delle varie sette religiose dell’Egitto e della Babilonia, conosciute dallo stesso Pitagora durante i suoi viaggi di studio. Gli indirizzi di studio intrapresi furono la matematica, l’astronomia, la musica e la filosofia. Il suo “movimento” si diffuse poi in tutta la Magna Grecia.

 

COSA VEDERE  A CROTONE, ANTICA CITTA’ DELLA MAGNA GRECIA?

 

PIAZZA PITAGORA

Oggi è un importante centro nevralgico della città, il quale collega la parte moderna della città con la parte antica. Quartieri caratterizzati da strade dritte e parallete, edifici con i loro portici e colonnati neodorici costruiti nel 1867 in contrasto con le strette stradine medievali che s’intrecciano tra di loro che salgono e scendono sul piccolo promontorio; il tutto ancora protetto dalle antiche mura e il suo castello.

 

DUOMO

Da piazza Pitagora si fa presto ad arrivare al Duomo attraversando via della Vittoria. Ah dimenticavo: proprio da via Vittoria, sotto i portici di cui vi ho parlato prima, prendete la stradina sulla destra e arriverete in una zona molto caratteristica e antica. Fino a qualche anno fa, il mercato giornaliero veniva fatto qui e s’iniziava con i banchetti di cibo, spezie, pesce  per poi passare ai vestiti, oggettistica per la casa e così via, fino ad arrivare al piazzale sottostante al Castello di Carlo V. Da piccola adoravo tanto questo posto! Leggete l’articolo Crotone, giorno di mercato di Maraina in Viaggio: per me è stato fare un tuffo nel passato!

Il Duomo di Crotone
Il Duomo di Crotone

Ritornando a noi: il Duomo! Chiesa originaria al XI secolo, venne ricostruita nel Cinquecento, recuperando i vari materiali dal tempio di Hera Lacinia a Capo Colonna (che vi parlerò in un futuro post!). Nel corso del tempo venne rimaneggiata e restaurata diverse volte; quindi è possibile trovare al suo interno testimonianze di varie epoche. Un fonte battesimale con base zoomorfa del  XIV secolo è stato collocato in una cappella della navata principale. Il Duomo custodisce il dipinto che rappresenta la Madonna di Capo Colonna: probabilmente di origine bizantina e risalente al 1500. La figura della Madonna può risultare quasi scura ed è legata anche ad una leggenda: vi rimando all’articolo Qualche curiosità sulla Madonna di Capo Colonna per gli approfondimenti.

 

Madonna Nera all'interno del Duomo
Madonna Nera all’interno del Duomo

 

MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE

Dal Duomo si fa presto ad arrivare al Museo Archeologico Nazionale salendo via Risorgimento. Museo nato nel 1968 e riallestito tra il 2000 e il 2005, è un’importatissima testimonianza della città e di Capo Colonna e oggi è tra i musei più importanti della Calabria. Le opere sono esposte in ordine cronologico, partendo dall’epoca preistorica.  Continuo a nominarvi Capo Colonna: è un sito archeologico molto importante dove sono stati trovati i resti del tempio dedicato alla dea Hera Lacinia. Molto interessante l’articolo del MiBACT Parco Archeologio di Capo Colonna che spiega molto bene il tutto. Io vi consiglio vivamente di andarci: io me ne sono innamorata e in una sala apposita sono stati raccolti pezzi archeologici, tra cui il tesoro di Hera!!

 

CASTELLO DI CARLO V

Il castello venne costruito nell’antica zona che ospitava l’acropoli greca per volere del vicerè di Napoli, Don Pedro de Toledo: per proteggere la città, volle costruire delle mura attorno  alla città medievale per poterla diffendere dagli assalti dei turchi provenienti dal mare. Nello stesso periodo, siamo nel 1541, venne costruito anche il castello sui resti di uno più antico e risalente al IX secolo, costruito dai Normanni. La sua pianta è poligonale e accerchiata datorrioni cilindrici angolari e da un fossato.

Per me questa è tra le zone più belle perché i palazzi costruiti successivamente hanno creato un contesto urbanistico molto particolare e caratteristico: Palazzo Morelli, Palazzo Barraco, la Villa Comunale, ecco alcuni edifici dove bisogna assolutamente fermarsi. All’interno di quest’area delimitata dalle antiche mura create da Don Pedro de Toledo sorge tra i più antichi quartieri di Crotone: Pescheria, dove case case a schiera con le tegole in terracotta creano stretti vicoli. Ma ci sono anche alti edifici risalenti al Sei-Settecento che in passato appartenerono alla nobilità e qua sorgono anche ben 3 conventi, in origine al di fuori delle mura.

 

GIARDINO DI PITAGORA

Il gardino fu costruito proprio in onore del matematico Pitagora che a Crotone fondò la sua scuola e pensato come Museo delle Scienze. Attraverso strutture ed installazioni è possibile avvicinarsi al pensiero dell’antico filosofo e toccando così tutte le discipline da lui trattate come la matematica e la filosofia: il tutto è stato allestito in maniera ludica e il percorso è formato da 17 exhibits. Nel giardino è stato allestito anche il relativo museo dove poter approfondire la visita e la conoscenza dei sui insegnamenti attraverso strumenti interattivi.

 

LUNGOMARE GRAMSCI

Dopo una giornatàìa passata a gironzolare per il centro, perché non rilassarsi anche sul lungomare? Recentemente ristrutturato, il Lungomare Gramsci è un gran via vai: bar e ristoranti frequentati sia di giorno che di sera e la spiaggia dove prendersi il sole di giorno, è una zona molto movimentata e il luogo della movida!

 

Con questo articolo su cosa vedere a Crotone, antica città della Magna Grecia, spero di avervi incuriosito e di vedervi presto girare per questa bella città: la Calabria non è solo mare ma anche tantissima cultura e spesso nascosta e non valorizzata come si deve!

Buona visita!

Ringrazio per le foto (dove indicato):

il profilo twitter Crotone Welcome

il profilo FB Piazza Villaroja

Autore dell'articolo: Katia

Mi chiamo Katia, ho vissuto tra Italia, Germania e Irlanda. I posti che adoro di più? L'Irlanda, Venezia e tutte quelle località dove c'è il mare ... infatti, ironia della sorte, vivo in montagna! Perché scrivo? Semplicemente per ricordare tutto quello che vedo e per imparare a scrivere! :)

8 thoughts on “Cosa vedere a Crotone, antica città della Magna Grecia

    Stamping the World

    (giugno 11, 2017 - 9:21 am)

    Crotone è la mia città, quella città che mi ha visto nascere e mi ha cresciuta fino a 18 anni. Oggi lì ci sono tutti i miei ricordi d’infanzia, i ricordi con gli amici della “comitiva”, i ricordi delle estati passate tuffandomi in quel mare blu pieno di pesci.
    Grazie per avermi fatto viaggiare ancora una volta! 🙂

      Katia

      (giugno 12, 2017 - 11:06 pm)

      Ti capisco! Io ho trascorso tutte le mie estate da queste parti fino ai 20 e ho lasciato qua i miei ricordi più belli. Nel corso del tempo, causa lavoro e studio, sono scesa sempre meno … sto programmando di ritornarci al più presto! 😉

    caterina

    (giugno 9, 2017 - 9:45 pm)

    Non sono mai stata in Calabria. Me ne hanno parlato benissimo. Io non vedo il mare da troppo tempo ormai. Avrei veramente bisogno di visitare una località di mare come quelle che trovi in Calabria, dove l’acqua, mi hanno detto, è cristallina. Sto sognando a occhi aperti. 🙂

      Katia

      (giugno 10, 2017 - 4:24 pm)

      Si, l’acqua è davvero eccezionale! Dopo 20 di mare qua, non riesco più ad adattarmi altrove! Proprio nella zona di Crotone ed esattamente da qui fino a Le Castella, c’è la Riserva Marina Isola Capo Rizzuto: grazie alla riserva, si cerca di proteggere flora e fauna e il mare è davvero meraviglioso!

    Martina

    (giugno 9, 2017 - 5:25 pm)

    Credo che la Calabria sia una regione tutta da scoprire…e grazie per questo post che mi ha confermato di avere ragione! Spero di poterci andare presto 🙂

      Katia

      (giugno 9, 2017 - 5:42 pm)

      La Calabria ha le sue problematiche (e tante) ma sono convinta che se piano, piano incominciassimo tutti a parlare delle sue potenzialità (turismo e cultura), forse potremmo “recuperarla” attraverso il turismo e migliorarla!

    Viaggi del Milione

    (giugno 8, 2017 - 9:26 pm)

    Una bella guida su Crotone. Mi piace.

      Katia

      (giugno 10, 2017 - 5:41 pm)

      Grazie! Spero sia stata utile! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *